Contattaci +39 019 65375

Viaggiare in Tanzania

Kililmangiaro
La sua cima raggiunge i 5.895 metri ed è il più grande vulcano spento del pianeta. Questo è il
Kilimangiaro che oltre a essere una tra le sette più alte vette della terra ha anche la particolarità di non appartenere a una catena montagnosa ma di essere singola cima disposta proprio nel bel mezzo del continente africano.
Si trova a 205 miglia a sud dell'equatore tra la Tanzania e il Kenya, unico punto in Africa dove la neve è ancora perenne e si formano ghiacciai. È una montagna che non presenta grandi difficoltà ad essere scalata benché sia ovviamente necessario avere almeno qualche esperienza in quota per arrivare fino alla cima.
Il Kilimangiaro è composto da tre coni vulcanici spenti, il Kibo, quello ricoperto di neve (5.895 metri), il Mawenzi situato nel mezzo del gruppo (5.149 metri) e lo Shira ad ovest (3.962 metri).
Tutti coloro  che hanno affrontato il trekking verso la vetta di questa montagna descrivono la bellezza del paesaggio e la singolarità del passaggio dalla lussureggiante regione tropicale alla neve ed al ghiaccio della cima. All'inizio il sentiero che conduce alla montagna passa attraverso altopiani africani popolati di animali selvaggi, poi attraversa foreste pluviali, boschi e paesaggi alpini, terminando nelle condizioni climatiche tipiche dell'alta quota.
Il miglior periodo per affrontare la scalata è quello compreso tra gennaio e febbraio, stagione secca     con poche e brevi probabilità di pioggia.
Per la salita verso la cima si possono utilizzare tre differenti percorsi con difficoltà diverse che sono noti come Marangu Route, Machame Route, Umbwe Route.
Considerata la piú facile, Marangu Route porta piano piano verso le falde del Kilimanjaro attraverso differenti ecosistemi. Il primo tratto è in foresta fino al Mandara Hut (2.743 m).
Da qui il sentiero lascia la foresta per serpeggiare in spazi aperti fino al Horombo Hut (3.760 m).
Un pernottamento è previsto presso il Kibo Hut a quota 4.730 metri dove il paesaggio è oramai alpino proprio sulla sella della montagna. Partendo la mattina presto da questo punto si raggiunge il bordo del cratere e nella stessa giornata inizia la discesa.
Un po' più difficile il percorso con la Machame Route che offre però panorami molto più suggestivi. Il percorso inizia presso il villaggio di Machame per attraversare l'omonima foresta fino ad arrivare a quota tremila metri per la sosta presso il Machame Hut. Il sentiero prosegue su un percorso sassoso verso un torrente che è attraversato prima di salire verso Shira Hut a quota 3.800 metri da dove con una serie di saliscendi si raggiunge dapprima la Lawa Tower m 4630 fino a Barranco Hut m 3950, ed  attraversata la valle di Karanga, sul percorso condiviso con la Mwenka route  si raggiunge Barafu Hutte a 4600 metri.
Da questa ultima tappa si arriva alla cima del cratere Kibo, tra i ghiacciai perenni e su fino alla cima Uhuru.
Umbwe Route è la più difficile ma la più spettacolare e diretta via per il Kilimangiaro. Il percorso inizia a Umbwe con l'attraversamento della foresta per raggiungere un costone tra Lonzo e il fiume Umbwe.
Da qui si prosegue lungo un sentiero sempre difficoltoso verso i 3.950 m di Barranco Hut per attraversare la dorsale che porta verso la valle di Karanga e su verso il Barafu Hut (4.600 m). Quindi si raggiunge il bordo del cratere Kibo e la cima Uhuru.

INFORMAZIONI GENERALI

Capitale: DODOMA
Popolazione: 25635000
Superficie in Km²: 945080
Religione: Muslulmana
Lingue: Kishwahili, Inglese
Moneta: Scellino Tanzano     1€ = 2283,8796 TZS (07/11)
Fuso orario: +3 ore

Documentazione necessaria per l'espatrio:

Passaporto con almeno 6 mesi di validità dalla data di partenza del viaggio è necessario il visto per entrare in Tanzania, lo si fa in Italia presso il consolato Tanzano Consolato Milano - Via Santa Sofia 12. Tel. 02/58307126 - 58307534 - 58307126. Fax. 02/58307499
E' possibile appoggiarsi ad agenzie specilizzate nell'ottenimento dei visti, una delle quali è la Romanasociatur di Roma
http://www.romanasocialtur.com/visticonsolari/Tanzania.html
La polizia effettua controlli capillari sulla regolarità dei visti turistici anche dopo l'ingresso dei visitatori nel paese: con il visto turistico non si può svolgere alcuna attività lavorativa nè affari (in quest'ultimo caso è necessario ottenere un visto apposito). Frequenti gli arresti e/o i pagamenti di costose ammende.

Vaccinazioni:
non sono obbligatorie vaccinazioni ma sono consigliate quelle contro la malaria e la febbre gialla. Le normative cambiano spesso per cui è bene informarsi presso l'ASL di fiducia

Situazione sanitaria
La malaria è endemica; oltre al colera sono presenti altre malattie come tifo, paratifo, epatite virale A,B,C, tetano. L'AIDS è estremamente diffusa ed è la seconda causa di morte dopo la malaria. La stima dei sieropositivi arriva al 10 per cento della popolazione
Il sistema sanitario locale è carente per quanto riguarda il personale, le attrezzature, la disponibilità di farmaci specifici e la situazione è particolarmente grave in provincia. L'evacuazione di infermi è possibile in aereo da Dar Es Salaam o Zanzibar per l'Europa, per il Kenya o per il Sudafrica, ma se un incidente dovesse occorrere nell'interno del Paese i rischi sarebbero elevati, date le difficoltà di comunicazione e di trasporto. In proposito si sottolinea la necessità di stipulare un'assicurazione a copertura di tutti i rischi, con particolare riguardo al rimborso delle spese relative ad un eventuale rimpatrio di emergenza. Le trasfusioni di sangue comportano un'altissima probabilità di contrarre l'AIDS.

Prevenzione sanitaria
E' consigliabile acquistare bevande in contenitori sigillati e trattare l'acqua per uso alimentare (bollitura per oltre venti minuti, filtrazione, decantazione). Da evitare verdura e frutti di mare non sottoposti a cottura. Bere acqua e bibite imbottigliate senza aggiungere ghiaccio.
Ai primi sintomi di malessere (vomito, febbre, diarrea) consultare immediatamente i medici anche locali e richiedere le analisi. Prima della partenza è preferibile consultare un medico specialista per l'eventuale profilassi antimalarica o altre vaccinazioni.Particolare attenzione nelle visite mediche prima della partenza è da raccomandare a chi intenda affrontare escursioni ad alta quota sul Kilimangiaro: lo stress fisico è notevole, non ci sono possibilità di utilizzare bombole di ossigeno, nè un pronto soccorso attrezzato lungo l'itinerario. In passato si sono verificati casi d'infarto

Formalità valutarie
Nessuna.  Il servizio bancomat non è stato ancora istituito e non c'è la possibilità di ottenere denaro contante dietro presentazione di una carta di credito. Le carte di credito Visa, Master Card, Diners Club, American Express sono accettate nei principali alberghi, tuttavia spesso viene applicata una commissione del 5% su ogni acquisto

Condizioni climatiche
Nelle fasce costiere il clima è generalmente caldo, rinfrescato da costanti brezze marine, la temperatura varia da un minimo di 22’ ad un massimo di 30’.  Sugli altopiani l’altitudine mitiga il forte clima tropicale e le notti possono essere fredde.  Sulle cime il clima è da alta montagna (come sulle nostre alpi in estate): caldo durante le ore di sole, ma si raffredda velocemente al suo calare.
La stagione delle piogge è in aprile e maggio, una breve stagione delle piogge con rovesci brevi ma intensi si verifica anche in novembre e dicembre.

Avvertenze generali

Stupefacenti: il traffico di qualsiasi droga, incluse quelle leggere, è duramente represso dalla polizia, che dispone di informatori ovunque. Le condanne inflitte dai tribunali per reati di droga sono pesanti e i controlli della polizia negli aeroporti e negli alberghi si stanno intensificando. All'aeroporto anche i bagagli dei viaggiatori della sala VIP possono essere ispezionati.
Finora non si sono mai verificati processo o arresti di italiani per accuse di pedofilia o reati sessuali. In tali casi la legge locale è rigidissima: le condanne per violenza e pedofilia comportano pene da 20 anni fino all'ergastolo. La stampa locale riprende tali notizie con grande evidenza

Equipaggiamento ascensione Kilimangiaro

  • ­       Borsone in tela robusta, impermeabile, chiudibile con piccolo lucchetto e con le Vs generalità su cartellino.
  • ­       Sacco piuma da alta montagna (di quelli che le ditte consigliano fino a 0°C)
  • ­       Materassino (tipo Therma Rest)
  • ­       Zaino
  • ­       Cappello di Pile o Lana, Balaclava/Passamontagna
  • ­       Cappello da sole
  • ­       Occhiali da sole con filtro 100% di raggi UVA/UVB
  • ­       Crema solare protezione minima 15
  • ­       Protezione solare per le labbra
  • ­       Bandana
  • ­       2 T-shirt di materiale sintetico
  • ­       Giacca impermeabile
  • ­       Giaccavento
  • ­       Guanti (1 paio leggeri, 1 paio pesanti)
  • ­       Un paio di pantaloni per il trekking
  • ­       Calzamaglia di lana o sintetici
  • ­       Pantaloni di lana o pile da portare sopra la calzamaglia
  • ­       Pantaloni impermeabili
  • ­       Calze sottili e pesanti
  • ­       Scarponi per il trekking
  • ­       Ghette impermeabili
  • ­       Scarpe di tennis per il campo
  • ­       Integratori energetici
  • ­       Duffelbag per il materiale che viene lasciato in albergo
  • ­       Dufflebag per il materiale che viene portato dai portatori
  • ­       Borraccia per acqua
  • ­       Borraccia termica per liquidi caldi
  • ­       Coltellino milleusi
  • ­       Pronto soccorso personale
  • ­       Pila frontale con batteria carica e batteria di scorta.
  • ­       Cartellina portadocumenti.
  • ­       Macchina fotografica e pile
  • ­       Materiale da toeletta e un asciugamano di dimensioni normali. Salviette fresh & clean.
  • ­       Ombrello

NOTA: parte di questo materiale può essere noleggiato in Tanzania

Chiediamo che il borsone non superi i 18kg. Il bagaglio a mano (usate lo zaino che vi caricherete sulle spalle non deve superare i 10 kg - sul volo - e le seguenti dimensioni 55x25x35 cm). Il peso in eccedenza si paga in aeroporto piuttosto caro. Mettete sul bagaglio il vs. nome e indirizzo+tel. Pesatelo prima di partire!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più